Vacanze a misura di bambino

L’idea di creare un vero e proprio family hotel come nella tradizione del decennio scorso è ormai superata: i bambini in vacanza spesso vanno con i nonni oppure solo con mamma o solo papà.

Le nuove famiglie allargate non hanno le stesse esigenze delle famiglie tradizionali e questa riflessione deve spingere sempre di più gli operatori del settore a creare un’offerta personalizzata, anche se si tratta del target “famiglie”.

Partiamo dal presupposto che ogni struttura ricettiva pensa il proprio servizio standard per gli adulti, dal cibo, all’organizzazione delle aree comuni, all’accoglienza.

Non deve esserci un cambio radicale della filosofia che ispira la struttura per accogliere i più piccoli, ma iniziare ad allargare la propria visione includendo le esigenze dei bambini.

Ciò significa che il ristorante può continuare ad essere tale, ma non deve considerare i bambini come un di più, bensì integrarli appieno nell’offerta: ogni tavolo in cui è presente un bambino non deve avere solo un seggiolone da aggiungere, ma deve esserci una vera e propria postazione dedicata ai più piccoli. Tovaglietta da colorare, pennarelli lavabili, posate colorate e un piccolo omaggio possono essere un buon inizio.

| Dotazioni sicure nelle camere

I bambini in vacanza hanno diritto a dormire in letti adeguati alla loro età, lettini o sponde protettive, telo protettivo monouso per il materasso, così come a casa, Questi elementi sono una garanzia di sicurezza che sarà sicuramente apprezzata dai genitori.

| Giochi, attività e spazi dedicati

Non dimentichiamo che i bambini non si stancano mai, quindi non si può pensare ad un mini club presidiato qualche ora al giorno, ma è necessario creare eventi, serate a tema, feste in maschera e tutte quelle attività che possono essere un modo per socializzare e divertirsi, oltre a spazi per il gioco e strumenti ludici disponibili 24 ore al giorno. Ovviamente non potranno mancare giocattoli, disegni e materiale per laboratori creativi insieme ai bambini. Tenere un bambino occupato in un’attività significa che non danno fastidio agli altri ospiti e soprattutto allo staff.

Soprattutto per la sera, i libri sono sempre apprezzati, così come giochi da tavolo e colori che possono essere posti ad ogni piano, a disposizione delle famiglie.

 

 

| La canzone o la mascotte non possono mancare

 

L’importanza non è data tanto dall’intrattenimento che possono dare ai bambini in vacanza, quanto dalla fidelizzazione della famiglia. Ci si dimenticherà probabilmente della vostra struttura, ma non della mascotte o di quella canzoncina che ha tanto divertito i bambini da essere imparata a memoria (il balletto non deve mancare mi raccomando!). Ovviamente gadget e regalini non dovranno mancare, soprattutto nella stanza al loro arrivo.

| Qualche dato

Ovviamente accogliere i bambini in vacanza è abbastanza complicato per gli operatori: corrono, piangono e in alcuni casi possono essere di intralcio allo staff, ma non va dimenticato che questa fetta di mercato è veramente importante. Un’importante ricerca condotta da Airbnb e FattoreMamma, intervistando un campione di 1.426 mamme italiane, ha indagato i programmi delle famiglie per la prossima stagione estiva, identificando diverse tipologie di mamme che hanno comportamenti differenti.

La prima ad essere individuata è la mamma planner, che prenota almeno 3-4 mesi prima della partenza: si riconoscono in questa fascia circa il 66% delle intervistate. Segue la mamma last-minute, circa il 30%, che prenota solo alla fine dell’anno scolastico.

In ogni caso, circa 3 volte su 4 sono proprio le mamme a pensare all’estate della famiglia, spesso con l’aiuto dei più piccoli. Inoltre il 67% delle mamme dichiara che il programma prevede di alloggiare per l’intero periodo nello stesso luogo, considerandolo meno stressante.

Per l’85% si tratterà di un periodo di 1-2 settimane e per raggiungere la destinazione, il 67% utilizzerà l’auto.

 

Scopri altri consigli su come promuovere la tua struttura o come specializzarti per soddisfare un target specifico. Visita il nostro Blog oppure contattaci!

Vacanze a misura di bambino

Potrebbe anche interessarti