Scrittura creativa: giocare con le parole per comunicare meglio

Siamo circondati da comunicazione, in particolare comunicazione scritta: leggiamo il cartello scritto dall’amministratore di condominio, controlliamo la posta dal nostro smartphone e scriviamo un messaggio Whatsapp nel gruppo organizzato per il regalo di compleanno del cugino, mentre pensiamo all’SMS che dobbiamo inviare all’amico meno tecnologico. Per non parlare dei Social Network: occorre sempre pensare alla didascalia accattivante da accompagnare alla foto delle scorse vacanze, oppure la frase simpatica per convincere i propri collegamenti a partecipare a quel concerto in centro…!

Inconsapevolmente, quindi, ogni giorno produciamo testi, destinati a essere più o meno divulgati. Secondo Alfonso Cannavacciuolo, uno dei principali esperti italiani di scrittura professionale e copywriting, “ogni lavoratore, indipendentemente dal ruolo, deve saper scrivere in modo efficace, chiaro e professionale. La televisione aveva distrutto il testo, Internet l’ha riportato al centro della vita degli uomini. Siamo quindi diventati tutti editori e scrittori? La risposta è sì. Ma alla crescita della capacità di pubblicazione non è corrisposta una pari crescita nella capacità di scrivere e farsi capire dal destinatario” (da Manuale di copywriting e scrittura per il web, HOEPLI).

Ma cosa c’entra la scrittura creativa con tutto questo?

A cosa serve la scrittura creativa?

La scrittura creativa, generalmente intesa come una scrittura non tecnica, non accademica (e, in certi casi, anche non di tipo giornalistico), può aiutarci a migliorare e rendere più performanti tutti i tipi di testo che ci troviamo a produrre nell’arco della giornata, soprattutto in ambito professionale.

Pur essendo solitamente definita tramite ciò che non è, come abbiamo visto, la scrittura creativa riguarda e investe ogni tipo di scrittura, aiutando anche ad allenare la mente e a raccontare e raccontarsi in maniera più efficace.

Come si allena la scrittura creativa?

La scrittura creativa è allenabile: sebbene alcuni siano evidentemente più portati di altri, esistono esercizi che permettono di cimentarsi con questa preziosa arte, mettendo alla prova anche la propria comunicazione efficace, abilità fondamentale spesso purtroppo sottovalutata. È grazie alla comunicazione efficace che siamo in grado di scegliere il registro linguistico più adatto alle singole occasioni, o che riusciamo a interpretare anche il tono e le espressioni di chi ci parla, oltre alle parole pronunciate. Leggere molto, cimentarsi in giochi di parole e prestare attenzione ai diversi spunti comunicativi attorno a noi è la strada giusta per padroneggiare al meglio la scrittura creativa.

Una serata speciale: un workshop dedicato alla scrittura creativa

Partendo dal desiderio di allenare questa capacità fondamentale, abbiamo organizzato una serata di scambio e gioco dedicata alla scrittura creativa: un workshop di due ore, tenutosi lo scorso 13 febbraio nella splendida libreria Tutti Giù Per Terra di Monza, in cui i partecipanti si sono sfidati a suon di esercizi, 10 in totale, per allenare la comunicazione, la sintesi, la creatività e la capacità di giocare con lettere e sinonimi.

È così che la famosa favola di Cenerentola è stata prima ridotta a sole 20 parole (C. scrive: Cenerentola è schiava in casa. Viene trasformata in principessa; perde la scarpetta al ballo; il principe la ritrova tramite quella.), per poi venire ampliata a 40, “colorando” decisamente di più il testo (come ha fatto E.: Che soddisfazione! Dopo anni di spazza e pulisci mi cambia la vita. Grazie al piede piccolo e al faccino carino, lui mi vede, balla con me, mi infila la scarpetta di cristallo e vivremo felici e contenti. Le 3 befane schiattano.).

E ancora, è sempre nel corso della stessa serata che vecchi titoli di film hanno dato vita, tramite semplici aggiustamenti, a nuove accattivanti trame, come “La guerra dei Fondi” (Tensioni a wall street), “Balla coi Pupi” (Uomo in carriera si ritrova a casa con due figli gemelli di sei mesi: imparerà a ballare coi pupi) o “La gatta sul tetto che sBotta” (Due amici si interrogano sul senso della vita, i pensieri e i racconti scanditi dai rumori di un felino che vive la sua personalissima guerra contro i piccioni).

Grazie alla scrittura creativa è infatti possibile giocare, maneggiare e colpire attraverso frasi a effetto, utilissime anche in campo professionale. Per esempio, perché non descrivere un proprio prodotto o servizio tramite un acronimo? A ogni lettera di ogni termine del titolo viene associata una parola che inizia con la lettera stessa, fino a formare una frase di senso compiuto. Funziona anche con trame di libri e film celebri, come hanno scoperto i bravissimi partecipanti al nostro workshop. Titanic, per esempio, può essere riassunto efficacemente in: Titanic Incidentò Tanti Americani Nell’Iceberg Colossale. O ancora, Space Jam diventa: Stramboidi Pompati Attentano Cartoni, Eroicamente Jordan Annichilisce Mostri (grazie a M. e C. per i simpatici riassunti!).

E tu, hai mai pensato di esercitarti nella scrittura creativa? In cosa potrebbe esserti utile? Tieni d’occhio i nostri eventi cliccando QUI.

Scrittura creativa: giocare con le parole per comunicare meglio

Potrebbe anche interessarti