SEO multilingua: tradurre un sito in modo funzionale

In un’ottica sempre più internazionale, tradurre il proprio sito web in una o più lingue appare ormai fondamentale, soprattutto se si vuole espandere la propria attività e raggiungere mercati nuovi anche all’estero, distanti dalla nostra realtà nazionale.

Cosa significa tradurre un sito?

La traduzione di un sito web è un processo molto importante, che richiede attenzione e impegno. Non si tratta di tradurre semplicemente i contenuti dall’italiano all’altra lingua straniera: la traduzione letterale del testo e dei suoi contenuti, infatti, non è funzionale e non sempre corrisponde alla realtà quotidiana in cui la popolazione vive, come vedremo più avanti. La traduzione di un sito è strettamente collegata alla localizzazione, ovvero alla trasposizione del testo da una lingua all’altra, tenendo conto dell’area geografica, dei fattori culturali e della semantica. In altre parole, è necessario localizzare i contenuti mirando al modo in cui la gente parla quotidianamente.

Inoltre, la traduzione non deve interessare solo i contenuti testuali delle diverse pagine, bensì anche le URL di categoria, i tag, i metatag e gli alt text delle immagini, sempre rispettando il contesto della lingua presa in esame.

Strategia SEO e analisi dei mercati

La strategia SEO prevede un’analisi dei mercati a cui ci si rivolge, intercettando potenziali clienti esteri, cercando di comprenderne i bisogni, gli interessi e le abitudini di ricerca: il SEO multilingua comporta infatti un’ottimizzazione e un posizionamento del testo e dei contenuti tradotti nei motori di ricerca del paese di riferimento. Secondo una ricerca della CSA Research, il 75% degli utenti preferisce fare acquisti online su siti che parlano la loro lingua madre e il 60% non ha mai acquistato, o solo di rado, su siti solo in inglese.

Il SEO multilingua

Per creare una strategia SEO multilingua è importante scegliere un set di keyword di ricerca funzionali, cioè collegate alle ricerche del pubblico in base al mercato e alla cultura di riferimento. Per farlo, ci sono ottimi strumenti, come per esempio Google Market Finder. Esso permette di trovare keyword di ricerca in italiano, vedere le loro keyword straniere corrispondenti e, soprattutto, permette di capire come la traduzione letterale non sia sempre la strategia vincente. Vediamo un esempio: cercando “noleggio auto di lusso” per aziende del settore automotive, si nota come la traduzione per gli Stati Uniti riporti exotic car rental. La parola exotic non appare nemmeno nella versione italiana, ma corrisponde alle esigenze del mercato americano. Nel Regno Unito, e quindi nel mercato britannico, troviamo invece luxury car hire: alla traduzione rental si preferisce hire, più affine all’inglese britannico: ecco un valido esempio di strategia SEO multilingua funzionale

Articolo di Federica Mariani, fondatrice di Officina delle Lingue. Dal 2012 lavora come traduttrice in diverse combinazioni linguistiche e si occupa di differenti tipologie di testi. Combinazioni linguistiche: IngleseTedesco > Italiano.

SEO multilingua: tradurre un sito in modo funzionale

Potrebbe anche interessarti